Tags:
Siti web

Pagine gialle, Siti Gratis e Fai da Te: Non Andare al Supermercato del Web

supermercato del web

Per carità, ognuno è libero di suicidarsi come vuole. Perciò se si vuole promuovere un’azienda o un’attività professionale con servizi standard, gratuiti o con il fai date, liberissimi di farlo. Avrete un prodotto come tanti, uguale a tanti altri, da Supermercato del Web.

Vediamo un po’ più nello specifico le casistiche.

Servizi standard

Solo quelli offerti dai grandi Registrant di domini e hosting come SiteBuilder, o VisualSite di Pagine Gialle, ma ce ne sono molti altri. Alcuni Provider hanno reagito alla grande concorrenza esistente nel settore dei domini e dell’hosting ampliando la gamma di servizi offerti ai propri clienti. Il risultato però è quello di avere come prodotto finale un sito, omologato, uguale a tanti nonostante gli sforzi per personalizzarlo. Un servizio standard è per forza limitato. Può darsi che all’inizio possa anche andarvi bene, ma se il vostro non è solo un sito brochure, prima a poi dovrete cambiare sistema perché avrete più necessità. A quel punto spostare tutto comporterà altre spese e altro tempo.

pagine gialle

Le Pagine Gialle sono state per decenni il punto di riferimento per tutti quelli che cercavano un’azienda che soddisfasse i loro bisogni e risolvesse i loro problemi. Le pagine gialle dei nostri giorni hanno cambiato nome e indirizzo: si chiamano Google. La stragrande maggioranza delle persone cerca sul web quello che le serve, cerca anche le opinioni di chi ha già comprato, fino ad arrivare ad una decisione di spesa senza nemmeno essere uscite di casa.

Il servizio di promozione web di Pagine Gialle è quindi un tentativo, tardivo, di colmare quel gap accumulato negli anni nei confronti di Internet. Abituati per anni ad essere il principale punto di riferimento nella ricerca di numeri e indirizzi di aziende, professionisti e commercianti, sono stati sorpassati alla velocità della luce dal web e dai tantissimi portali che non solo offrono anagrafiche, ma anche e soprattutto giudizi di qualità basati su esperienze reali d’acquisto.

Ora, il nome ‘Pagine Gialle’ nell’immaginario collettivo vale forse ancora qualcosa come punto di riferimento nel campo delle ricerche, ma vale soprattutto nelle generazioni più vecchie. I giovani usano altri strumenti e negli anni a venire ‘Pagine Gialle’ sarà ricordato più o meno come il vecchio ‘Postal Market’ .

Per come fanno i siti web e offrono servizi e strumenti di promozione, vale il discorso dei Supermercati: volete qualcosa che hanno tutti? Volete omologarvi alla vostra concorrenza? Scegliete allora questo servizio. Pagine Gialle lavora con tantissime ferramenta, lavanderie, alimentari… Molti magari sono proprio vostri concorrenti; affidereste quindi allo stesso fornitore la vostra presenza sul web e la vostra promozione? Direi di no, meglio affidarsi a qualcuno che sappia valorizzare la vostra unicità senza aiutare, allo stesso tempo, anche quella dei vostri concorrenti.

Gratuiti

Ormai ce ne sono tantissimi: Wix, Jimdo, Yola, Weebly… Al discorso dei servizi standard si aggiunge anche quello, non banale, del nome. Ma davvero per risparmiare quattro soldi siete disposti ad avere un dominio tipo mionomeazienda.wix.it o cose simili? Davverò volete la pubblicità del servizio sulle vostre pagine? Spero proprio di no!

Fai da Te

Ho in parte già magnificato le qualità di WordPress come piattaforma open source da usare per la realizzazione di siti web. Il fatto che esistano strumenti come questo, come anche Joomla o Drupal, non vuol dire che il gioco sia fatto. Realizzare un sito vuol dire studiare la tecnica, quindi anche un po’ di programmazione, di come impostare l’interfaccia grafica e collocare i contenuti, pensare alla grafica, al web marketing e altro ancora. Non è uno scherzo quindi se avete voglia d’imparare, dopo aver speso tempo e anche denaro per acquistare risorse di qualità per formarvi un minimo sui vari argomenti, può darsi che arriverete ad un livello sufficiente per realizzare un sito web aziendale.

Ma se siete degli imprenditori, magari anche poco appassionati di tecnologia, l’impresa potrebbe rivelarsi improponibile. Anche se foste in possesso dei requisti, la variabile ‘tempo’ (che manca sempre) renderebbe impossibile l’impresa.

A quelli che possono dire “Ma io ho mio cugino che ne sa…” risponderei dicendo che se già programmatori e grafici vanno guidati, perché non sanno cosa volete e, soprattutto, non sono uomini di marketing, figuriamoci i semplici appassionati smanettoni!

“Grazie, allora tanto vale” …

… “sei qui a raccontarci di andare da un professionista, che si fa pagare migliaia di euro…“. Se serve per la tua attività sì, ti consiglio di fare questo. Ti permetterà di avere un sito web aziendale personalizzato, unico, modificabile facilmente e che non devi rifare da capo se vorrai un giorno cambiare fornitore.

Ti distinguerai dalla massa a cominciare dal sito. Usare un servizio standard equivale ad andare al Supermercato, cioè un posto dove tutti comprano le stesse cose e solo quelle.

Del Web Designer potresti aver bisogno solo per la parte tecnica, per quella di contenuti e di marketing invece ti consiglio di avere qualcuno specializzato e, possibilmente, di studiare tu per primo e anche formare i componenti della tua aziende (se non tutti quelli nei ruoli chiave) ad essere orientati al web, a produrre contenuti appositi, pensare e create occasioni da proporre ai potenziali clienti sul web.

Se siete dei professionisti, il consiglio è assolutamente quello di creare un Blog personale, costa poco, giusto il prezzo di dominio e hosting, e non vi serve altro che un po’ di voglia di imparare i rudimenti tecnici di partenza.

 

 

 

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.

Lascia una risposta