Il Sito Web non Basta più » Blog Archives

Tag Archives: Contenuti

Web marketing

Basi di SEO per piccole aziende: non serve Magnum PI

Published by:

basi-di-seo-magnum-pi (Small)

Quello che impedisce alle piccole e medie aziende di essere veramente efficaci su Internet è la mancanza di tempo. Gestire tutte le componenti di un’azienda non è facile per strutture spesso composte da poche persone che la maggior parte del tempo sono concentrate sul prodotto.

Anche con poco tempo e poche risorse a disposizione, è bene però che ogni azienda conosca anche solo delle basi di SEO. Pianificano almeno alcune operazioni fondamentali permette di avere una presenza web quanto più possibile ottimizzata almeno sui contenuti più rilevanti che riguardano il settore di appartenenza dell’azienda.

Continue reading

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.
Pmi Siti web

Un Blog aziendale? Non siamo mica la Gazzetta…

Published by:

gazzetta-nibali-1

Il titolo di questo post mi riporta indietro di qualche anno, al periodo in cui mi occupavo di un sito web che promuoveva una votazione online che, ha detto del promotore, avrebbe dovuto collezionare, sono parole sue, “milioni di voti” (vi ricorda niente? Sospetto fossero amici…).

Budget per la pubblicità? Zero. Sì, zero, niente. La richiesta era di riuscire a raggiungere quanti più paesi possibile in termini di visibilità non investendo nessuna cifra sulla promozione dell’iniziativa.

Continue reading

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.
Portfolio Siti web

Il caso del sito web della Campionessa di Ciclismo

Published by:

bicicletta

Ho conosciuto la campionessa di ciclismo Noemi Cantele nel 2011, quando era ancora in piena attività. Aveva da poco conquistato il titolo italiano sia nella gara in linea che in quella a cronometro e vantava già anche piazzamenti da podio ai Mondiali.

Purtroppo per questo sport, il ciclismo femminile non naviga nell’oro, non c’è lo stesso seguito che c’è nel ciclismo maschile, anche se i sacrifici delle atlete sono veramente tanti.

Continue reading

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.
Siti web

I Contenuti che Uccidono un Sito Web Aziendale

Published by:

contenuti sito web

Bisogna dirlo: i contenuti sono un problema. Non dovrebbero esserlo ma lo sono. Si presume che se si decide di andare online con un proprio sito web aziendale sia perché si ha qualcosa da dire sul prodotto o servizio che si offre, su quali sono i punti di forza, su cosa lo differenzi dalla concorrenza, su come presentare e promuovere la propria attività.

Indovinate? Risposta esatta: quando si tratta di mettere insieme i contenuti per il proprio sito, spesso per le aziende è buio totale. Queste sono le situazioni sicuramente più inquietanti: se non sai cosa scrivere per promuovere il tuo lavoro, allora il problema è serio e va oltre il sito web aziendale.

Continue reading

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.
Siti web

Come educarsi ad avere un sito web aziendale

Published by:

educazione al sito web aziendale

Quando mi capita di parlare con piccole aziende, alla fine salta sempre fuori il fatto che si hanno poche risorse: budget, personale e tempo a disposizione. Perciò, una delle prime cose che chiedo ai miei clienti, in sede di colloquio preliminare per la realizzazione di un sito web aziendale, è di capire se all’interno dell’azienda riescono ad identificare qualcuno che sarà poi responsabile del sito.

Non parlo di aggiungere una foto ogni tanto, ma di continuare ad aggiornare i contenuti in modo costante e mirato. La risposta? Quando non è un silenzio imbarazzato, si fa il nome di una persona che 1) o non è presente e quindi non può nemmeno obiettare, oppure 2) dice “Ma sì, ogni tanto metto io due foto…”. E’ così che un sito muore ancora prima di nascere, occuperà solo dello spazio su un server senza che possa mai neanche lontanamente rappresentare uno strumento utile all’azienda.

Capire come occuparsi del sito è una decisione importante

Se si decide di gestire il proprio sito web aziendale internamente, serve non solo educare la persona incaricata del compito, ma tutta l’azienda.

Dietro alla vita di un sito ci sono le stesse leve che muovono l’azienda, cioè una strategia di marketing e posizionamento del proprio prodotto o servizio. Se l’azienda non è orientata al marketing, all’affermazione della propria specificità in un certo settore, a trasmettere e comunicazione i proprio punti di forza al pubblico, sarà come trovarsi davanti ad un foglio bianco senza sapere cosa scrivere.

La vita di un sito web inizia quando va online. Ripeto, INIZIA. Molto spesso i siti aziendali, tra cui anche alcuni di quelli realizzati grazie al mio aiuto, non lo nego, MUOIONO non appena vanno online. Rimangono per anni così come sono stati realizzati, il massimo dell’aggiornamento sono le date delle fiere a cui si partecipa.

Una volta che si prende la decisione di andare online, si deve entrare nell’ordine di idee che da quel momento in poi il sito aziendale deve entrare a far parte della normale vita dell’azienda, di chi avrà il compito di aggiornarlo ma anche degli altri, attraverso i social media per esempio. Prima di tutto bisogna educare sé stessi, mettersi in discussione, capire che si ha a disposizione un mezzo diretto e totalmente sotto il proprio controllo per parlare della propria azienda, valorizzarne le qualità, informare ed attrarre il pubblico di potenziali clienti.

Si comincia così

La prima domanda che si dovrebbe fare qualsiasi imprenditore che si approccia al mondo del web è: sto per realizzare un sito web aziendale perchéormai ce l’hanno tutti” o perché mi sono accorto che devo cambiare qualcosa nel mio modo di fare marketing? Se la risposta non è la seconda, è meglio che il sito non lo si faccia nemmeno, si butterebbero via solo soldi.

sito aziendale comincia così

Si comincia dalle priorità, quindi da subito si deve capire se e come è posizionata la vostra azienda. Cioè? Significa capire in quale nicchia di mercato è collocato il vostro prodotto o servizio. Se non avete una specificità, una specializzazione in un certo settore o caratteristica di ciò che producete, sarà molto, MOLTO più difficile emergere dalla massa dei concorrenti, anche sul web.

Provate poi a pensare al vostro ‘pubblico': qual’è la clientela di riferimento dell’azienda? Dove posso trovare questa clientela sul web? Come faccio a raggiungerla e che messaggio devo dare? In che forma?

Fatta questa analisi preliminare, potrete decidere in base alla vostra realtà aziendale se dedicare al sito una risorsa interna o delegare a qualcuno di esterno. Avere le idee chiare su com’è posizionata l’azienda e qual’è il target vi permetterà poi di risparmiare tempo e denaro quando andrete a parlare con dei consulenti esterni che, solo per dirvi queste cose (che dovreste tenere sempre bene a mente) vi toglierebbero la pelle di dosso, tanto si farebbero pagare.

Quanto tempo dedicare al sito web

Se si decide per la gestione interna del sito, non bisogna pensare subito di dedicare una persona solo a questa mansione. Dopo l’analisi che ho suggerito, si tratta prima di tutto di prevedere, se già non lo avete, un Blog all’interno del sito; poi di pianificare e programmare i post per questo blog, ovvero articoli che promuovano la capacità del vostro prodotto di risolvere i problemi del target di riferimenti e di incontrare i loro bisogni come nessun altro.

Cominciate facendovi delle domande:

  • Qual’è il numero minimo di contenuti a settimana che riuscite a pubblicare sul Blog?
  • Quali argomenti dovete trattare e come li dovete produrre per interessare il vostro target?
  • Preparate un piano dei contenuti che pensate di riuscire a produrre nel mese, ma anche più a medio termine se conoscete la stagionalità delle attività della vostra azienda.
  • Preparate una scaletta di pubblicazione in modo da non far passare mai troppo tempo tra un aggiornamento e l’altro, cerca di essere costante.
  • Non pubblicare tanto per farlo, cerca sempre di interessare il tuo target. Per aiutarti in questo esistono strumenti di misurazione che vedremo poi.

Poche cose quindi, ma che poi bisogna fare concretamente, non lasciatele sul tavolo della riunione col consulente. I risultati si vedranno nel medio e lungo periodo, ma se non inizi e non sei costante, se rinuncerai alla prima difficoltà, butterai via il tuo tempo e i tuoi soldi.

 

Sono un consulente free lance di comunicazione web. Aiuto le piccole aziende e professionisti a promuoversi e trovare nuovi clienti attraverso gli strumenti che Internet mette a disposizione.